aniti

Inclusione Sociale. Lab

cittadinanza-ico
LE MAMME DI SOVERIA MANNELLI

LE MAMME DI SOVERIA MANNELLI

13.12.13, Francesca Saraco

Progetto Baby Joy: i ricercatori di Aniti incontrano a Soveria Mannelli le mamme con bambini 0-3 anni.

Scopo degli incontri è stato quello di raccogliere dalla voce di alcuni testimoni privilegiati (rectius educatori e dai semplici cittadini/utenti fruitori dei servizi di asilo nido) le esigenze percepite del territorio e le criticità incontrate al fine di comprendere quali sono gli strumenti più funzionali a supporto della realizzazione del progetto Baby Joy – micro nido - che nascerà nell'area comunale di Soveria Mannelli.

Ricordiamo che il micro nido Baby Joy sarà realizzato grazie ai contributi regionali e in un immobile inutilizzato concesso in comodato d'uso gratuito dal Comune di Soveria Mannelli alla Cooperativa Campo Aperto. Al suo interno sarà sperimentato un nuovo modello di gestione partecipata che coinvolgerà genitori, nonni, istituzioni locali, bambini ed educatori, associazioni e organizzazioni no-profit.

Dagli incontri è emerso che sul territorio il livello dei servizi per la prima infanzia è insufficiente, i genitori generalmente non sono coinvolti dagli educatori nella programmazione delle attività nei nidi e, a loro volta, sia educatori che genitori non vengono coinvolti dalle istituzioni locali nella programmazione degli interventi per la prima infanzia.

Durante gli incontri, inoltre, è stato sondato l'interesse della comunità locale verso alcune tecniche educative innovative che saranno sperimentate tra le attività del futuro nido d'infanzia Baby Joy. Alcune hanno sollevato particolare interesse, altre meno, ciò aiuterà le educatrici a programmare meglio e in modo concertato con i genitori le attività per i bambini.Le intervistate si sono dimostrate molto disponibili e, allo stesso tempo, erano entusiaste di poter contribuire, con le loro opinioni ed esperienza, alla realizzazione di un progetto sul proprio territorio.

Questo approccio, ovverosia quello di intercettare i bisogni di una collettività dando voce alla stessa, è risultato ai loro occhi alquanto innovativo favorendo un atteggiamento propositivo nei confronti del gruppo di ricerca.

L'attenzione dei ricercatori di Aniti sul progetto Baby Joy continuerà con l'organizzazione di focus group con tutti gli intervistati, i referenti istituzionali, gli educatori

© 2012 Associazione ANITI - Impresa Sociale - Sede Legale Via G. Spagnolio n.30 - 89128 Reggio Calabria - Partita IVA n. 02735380806
loghi normativa