aniti

Area Urbana Cosenza - Rende. Lab

AIPD COSENZA E BUONE PRATICHE DA EMULARE

AIPD COSENZA E BUONE PRATICHE DA EMULARE

15.07.15, Manuela De Franco

Accoglienza, supporto ed affermazione dell’autonomia per le persone con sindrome di Down

L’Associazione Italiana Persone Down Sezione di Cosenza Onlus nasce 18 anni fa dalla passione e tenacia di un piccolo ma coeso gruppo di genitori resosi conto che esclusivamente attraverso il fare rete e la condivisione delle problematiche riguardanti i propri figli, avrebbero potuto agire per attuare un processo di cambiamento degli stereotipi da sempre legati alla sindrome di Down.

Oggi l’Associazione è una delle 47 presenti su tutto il territorio italiano e promuove e difende i diritti delle persone affette dalla sindrome, offrendo supporto e consulenza specifica alle famiglie ed agli operatori in merito a modelli e strategie più efficaci ed all’avanguardia per la piena inclusione sociale e l’affermazione dell’autonomia dei soggetti Down, ma anche informazioni, formazione ed occasioni di scambio ed incontro. Un contesto territoriale e sociale privo di pregiudizio ed ostilità è l’ambiente ottimale per la crescita e l’autonomia delle persone con sindrome di Down che, grazie all’Associazione, si vedono coinvolti in molteplici progetti quali: accoglienza e pre accoglienza, corsi di informatica, club dei ragazzi, tirocini ed alternanza scuola lavoro ed in questa stagione, vacanze estive, volte a far sì che anche i più giovani possano trascorrere il tempo libero con amici in un ambiente meno protetto rispetto a quello familiare, iniziando ad affermare la propria personalità.

I Ricercatori del Laboratorio Co.Re hanno incontrato ed intervistato i Referenti l’Associazione AIPD tempo fa gettando le basi per una collaborazione in progetti da avviare sul territorio sia con attività di animazione che attraverso la piattaforma Risorgimenti.lab e gli strumenti integrati digitali di cui permette l’utilizzo.

In particolare potrebbe attuarsi un progetto simile a quello finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali denominato “IL mercato dei Saperi” l’iniziativa ha coinvolto 12 Sezioni dell’AIPD (Bari, Belluno, Campobasso, Mantova, Marca Trevigiana, Matera, Milazzo, Potenza, Roma, Termini Imerese, Viterbo e Vulture), dove sono stati attivati dei contact point locali chiamati Porte dei Saperi la cui idea è stata la creazione di incontri tra giovani con sindrome di Down e persone anziane, per uno scambio intergenerazionale che producesse percorsi di conoscenza e crescita reciproca, un’idea progetto da emulare sul nostro territorio, attraverso lo strumento di baratto e banca del tempo.

http://www.aipdcosenza.it/index.php

https://www.facebook.com/mercatodeisaperi

© 2012 Associazione ANITI - Impresa Sociale - Sede Legale Via G. Spagnolio n.30 - 89128 Reggio Calabria - Partita IVA n. 02735380806
loghi normativa